Island Hideaway Dhonakulhi Maldive


Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive
Un Resort dietro le Quinte
Agosto 2007

Resident Manager del Island Hideaway Dhonakulhi

Qualche domanda a Tim Bilfinger, Resident Manager del Island Hideaway Dhonakulhi

D: Il tuo nome?
R: Tim Bilfinger

D: Quale è la tua posizione?
R: Resident Manager

D: Da quanti anni lavori a Island Hideaway Dhonakulhi?
R: Un anno e mezzo

D: Quando è stato aperto il resort?
R: L'Island Hideaway Dhonakulhi è aperto dall'Agosto 2005

D: Di che nazionalità è la clientela che frequenta il resort?
R: Primi fra tutti sono i tedeschi, poi vengono gli inglesi, i russi e i giapponesi. Ci sono alcuni italiani e francesi, ma in quantità minore.

D: Ci sono più coppie o famiglie?
R: Più o meno si equivalgono, diciamo 50 e 50

D: Ci sono più giovani o vecchi?
R: Anche in questo caso 50 e 50

D: Dove comprate il cibo?
R: Frutta, verdura e formaggio ce li facciamo arrivare tramite un distributore a Dubai che ha approvvigionamenti quotidiani anche dall’Italia. Ad esempio la mozzarella di bufala ci arriva fresca quasi tutti i giorni. La pasta (De Cecco e Barilla) la acquistiamo in Italia.
La carne in Australia. Il vino sia in Italia, che in Francia e Spagna.
Il pesce lo acquistiamo in Sri Lanka per quanto riguarda le aragoste o i gamberi, mentre il pesce fresco è ovviamente locale.

D: Quante persone lavorano sull’isola?
R: 250 circa

D: Di che nazionalità è lo chef?
R: Francese, il suo nome è Olivier Portret

D: Quanti sono i maggiordomi (Buttler)?
R: 45, uno per ogni camera (43) più due di riserva in caso di ferie, malattie o permessi del personale

D: Perché il resort ha 43 camere ma la numerazione parte da 1 finisce a 45 e non ci sono le camere numero 13 e 44?
R: Il numero 13 non è stato inserito per superstizione, mentre il 44 per un errore durante la costruzione del villaggio. Alla fine dei lavori ci siamo accorti dell'errore, ma abbiamo deciso di lasciare le cose così come stavano.

La Cucina
La Cucina in questo Villaggio è di altissimo livello, curatissima.
I Ristoranti a disposizione sono due, il Matheefaru Restaurant, quello principale, e il Gaafushi, il ristorante che serve cibi giapponesi, indiani e thailandesi; inoltre nel Bar del Villaggio organizzano ogni tanto delle Grigliate.
La cucina è affidata a Mr Olivier Portret, Chef francese. I piatti sono sempre ricchi, di ottima qualità, con cibi freschissimi.


Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive cucina cibo

Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive  cucina cibo 1

Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive  cucina cibo 2

Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive  cucina cibo 3


Quello che sta dietro alla preparazione di questi piatti è una cucina ottimamente organizzata, ben gestita da Mr Portret, che cura la realizzazione di piatti e la gestione degli acquisti delle materie in prima persona, e sopratutto molto pulita.

L'organizzazione in Cucina

Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive organizzazione cucina Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive organizzazione cucina 1

Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive organizzazione cucina 2

Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive organizzazione cucina 3

Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive organizzazione cucina 4

Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive organizzazione cucina 5

Island Hideaway Dhonakulhi, Atollo di Haa, isole Maldive organizzazione cucina 6


Un ringraziamento speciale a Tim Bilfinger, Olivier Portret e a tutti i loro Collaboratori.

(Potete vedere il Racconto completo sull'Island Hideaway Dhonakulhi qui)