Archivi per la categoria ‘Politica’

L’Ex Presidente Nasheed non si presenta alla Corte Suprema

lunedì, 16 marzo 2015

La Corte Suprema ha respinto la richiesta fatta dall’Ex Presidente Nasheed di un’udienza pubblica.
L’imputato ha rifiutato di presentarsi alla Corte Suprema per la prima udienza del ricorso contro l’ordinanza di arresto del Tribunale penale.
Il team legale di Nasheed afferma che un’udienza pubblica è un diritto concesso dalla Costituzione.
http://www.miadhu.mv/article/en/1871

L’ex Presidente Nasheed dichiarato colpevole

lunedì, 16 marzo 2015

Venerdì 13 Marzo l’ex Presidente Mohamed Nasheed è stato dichiarato colpevole di terrorismo e condannato a 13 anni di carcere per aver richiesto la detenzione del Giudice Capo Abdulla Mohamed nel gennaio 2012.
Il giudice Abdulla Didi ha affermato che le prove dell’accusa dimostrano senza alcun dubbio che Nasheed ha ordinato l’arresto del giudice.
Gli avvocati dell’ ex Leader dell’opposizione intendono presentare ricorso contro la sentenza presso la Corte Suprema.
http://www.miadhu.mv/article/en/1845

Nuovo appello per Nasheed

venerdì, 27 febbraio 2015

Il team legale dell’ex presidente della repubblica Mohammed Nasheed ha dichiarato che è stato presentato ricorso per quanto riguarda la decisione della corte di tenere in prigione Nasheed fino al termine del processo.
Fonte: http://www.sun.mv/english/28004

Nasheed nega l’accusa

venerdì, 27 febbraio 2015

L’ex presidente della repubblica Mohammed Nasheed ha negato le accuse mosse contro di lui e che lo hanno portato all’arresto. Il leader del partito Democratico maldiviano ha negato di aver ordinato l’arresto de giudice del tribunale penale Abdulla Mohamed durante la seconda fase del processo per terrorismo nel quale è coinvolto. Nasheed ha inoltre dichiarato che le accuse hanno una motivazione prettamente politica, dando la colpa al governo del suo arresto.
Fonte: http://minivannews.com/politics/nasheed-denies-judge-abdulla-arrest-granted-three-days-to-answer-charges-93003

La Commissione per i Diritti umani accusa la polizia senza indagare

giovedì, 26 febbraio 2015

La Commissione per i diritti umani delle Maldive ha condannato le aggressioni da parte del corpo di polizia sull’ex presidente Nasheed nello scortarlo in aula di tribunale per la prima udienza del suo processo.
La polizia ha definito inaccettabile la conclusione fornita pubblicamente dalla Commissione senza un adeguata indagine preliminare.
Il sovrintendente Hamdhoon Rasheed sposta inoltre l’attenzione sulle continue proteste da parte dei sostenitori dell’ex Presidente Nasheed e consiglia di mantenere le manifestazioni civili entro i limiti della legge, in quanto la polizia non esiterà ad intervenire.
http://www.sun.mv/english/27995

Procuratore generale e giudici tra i testimoni del processo dell’ex Presidente Nasheed

giovedì, 26 febbraio 2015

Il team legale dell’ex Presidente Nasheed rivela che il Procuratore Generale e due dei tre giudici che presidiano al processo fanno parte dei testimoni dell’accusa.
I legali dell’imputato aggiungono che accusa, giudici e testimoni non possono essere la stessa persona o individui dello stesso partito, in quanto violazione della Sharia islamica e della legge.
Prevista per questa sera 26 febbraio alle ore 8:00 la seconda udienza del processo.
http://minivannews.com/politics/pg-presiding-judges-among-state-witnesses-reveals-nasheeds-legal-team-92975

Il medico conferma che l’ex presidente Nasheed non presenta lesioni fisiche

mercoledì, 25 febbraio 2015

Ieri 24 Febbraio l’ex presidente Nasheed è stato visitato all’ospedale privato Medica e la polizia ha confermato, in base al responso del medico, che l’ imputato non presenta alcuna lesione fisica.
È stata pubblicata sui social media la lastra di una mano, presentata come quella dell’ ex presidente, ma il portavoce della polizia ha confermato la falsità della notizia.
La polizia sottolinea nuovamente che lunedì 23 Febbraio, fuori dal tribunale, l’imputato ha inscenato una caduta dopo che gli è stato negato di parlare con i giornalisti.
http://www.sun.mv/english/27969

Richiesti i domiciliari per Nasheed

mercoledì, 25 febbraio 2015

Il team di avvocati dell’ex presidente Mohammed Nasheed ha chiesto alla corte di concedere gli arresti domiciliari al loro assistito. La richiesta arriva dopo le lesioni e le ferite riportate dall’ex presidente durante il trasporto al tribunale. Nasheed sostiene che i danni da lui riportati siano stati causati dalla polizia. I legali hanno chiesto di poter tenere a riparo Nasheed da eventuali danni fisici e morali che potrebbero essergli inferti nei prossimi giorni di detenzione.
Fonte: http://www.sun.mv/english/27954

La polizia nega di aver maltrattato l’ex presidente Nasheed

martedì, 24 febbraio 2015

Il Partito democratico delle Maldive ha emesso un comunicato che condanna la brutalità e la violenza della polizia contro l’ex presidente del partito, mentre veniva scortato in tribunale ieri 23 Febbraio.
La polizia nega di aver usato violenza.
Il sovrintendente Hamdhoon Rasheed insinua che l’imputato abbia inscenato la caduta e che il braccio e le dita non fossero realmente feriti.
http://minivannews.com/politics/police-deny-brutalising-nasheed-92950

L’ex presidente Mohamed Nasheed si è presentato ferito al Tribunale penale

martedì, 24 febbraio 2015

L’ex presidente Mohamed Nasheed si è presentato ieri 23 Febbraio al Tribunale Penale per la prima udienza del processo riguardante le accuse di terrorismo a suo carico.
L’imputato è entrato in aula zoppicando, con un braccio visibilmente ferito e sostenuto in modo precario e improvvisato dalla sua cravatta .
Il giudice Abdulla Didi non ha accettato i cinque legali dell’imputato e ha ignorato le sue richieste di farsi visitare subito da un medico.
Ha inoltre stabilito la detenzione provvisoria di Nasheed fino alla fine del processo, assicurando che avrà cure adeguate.
L’ex presidente è stato quindi condotto alla prigione di Dhoonidhoo, ma gli avvocati ribadiscono la necessità di trasportarlo all’ospedale ADK per le cure necessarie.
La condanna, da parte della Commissione per i diritti umani delle Maldive, alla brutalità e alla violenza usata durante il processo.

Scontri in seguito all’arresto di Nasheed

lunedì, 23 febbraio 2015

L’arresto dell’ex presidente della repubblica Mohammed Nasheed ha sollevato le proteste dei suoi sostenitori che si sono radunati nella capitale Male per esprimere il dissenso per i fatti avvenuti. I numerosi sostenitori di Nasheed radunati davanti alla casa dell’ex presidente al momento del suo arresto hanno tirato pietre contro la polizia, la quale ha cercato di disperdere la folla con lo spray urticante. I manifestanti hanno seguito la polizia verso il quartier generale, alcuni sono stati arrestati ritenuti un pericolo per l’ordine pubblico.
Fonte: http://www.haveeru.com.mv/news/59212

Arresto Nasheed: i legali chiedono il ricorso

lunedì, 23 febbraio 2015

L’inizio del processo all’ex presidente Nasheed è stato programmato per lunedì 23 febbraio nel tardo pomeriggio, per le accuse di terrorismo l’imputato potrebbe scontare dai 10 ai 15 anni di detenzione. I legali dell’ex presidente Mohammed Nasheed hanno fatto richiesta di appello in seguito all’arresto per terrorismo avvenuto domenica 22 febbraio già nel pomeriggio dello stesso giorno.
Fonte: http://www.haveeru.com.mv/news/59215

Il sovrano dell’Arabia Saudita in visita alle Maldive

mercoledì, 5 marzo 2014

Lo scorso Venerdì hanno fatto visita alle Maldive il sovrano, il principe, il premier e ministro della difesa dell’Arabia Saudita. Gli ospiti sono stati accolti all’aeroporto internazionale Nasir dal presidente Yameen. Durante l’incontro si è discusso  dei  trecento milioni di dollari richiesti dalle Maldive, nonchè degli investimenti dell’Arabia Saudita nel turismo, nei trasporti e nell’energia maldiviana.

Fonte: www.maldives.net.mv

Taglio dei costi per il nuovo anno

sabato, 23 novembre 2013

Il parlamento ha richiesto al Ministro delle Finanze Abdullah Jihad un report aggiornato del budget 2014 in seguito al desiderio del presidente Yameen di tagliare alcuni costi. il presidente ha espresso le sue preoccupazioni riguardo la situazione economica del paese e ha chiesto che il budget venga ridotto di un miliardo di Rufia.

Fonte: www.minivannews.com

Controllore finanziario licenziato

martedì, 19 novembre 2013

Il controllore finanziario del Ministero delle Finanze Mohammed Ahmeed è stato congedato dal proprio incarico. Il presidente Yameen non ha ancora assegnato a nessuno il posto, essendo al momento molto impegnato nell’assestare il nuovo governo.

Fonte: www.sun.mv

Gasim rieletto capo della commissione per la revisione del budget

martedì, 19 novembre 2013

L’ex candidato balla presidenza, Gasim, è stato eletto capo della commissione per la revisione dei budget per il quarto anno consecutivo. Gasim è stato eletto con 12 voti a favore ed è stato chiesto alla commissione di rivedere il budget e scrivere un rapporto dettagliato sulle spese per l’inizio di Dicembre.

Fonte: www.minivannews.com

Risultati elezioni Maldive

domenica, 17 novembre 2013

Si è svolto ieri il ballottaggio tra i due candidati: Mohamed Nasheed e Abdulla Yamin.

Contro i pronostici ha vinto Abdulla Yamin il quale ha raccolto 111.203 voti con il 51,39 per cento rispetto leader dell’opposizione ed ex presidente che ha ricevuto 105.181 voti con il 48,61 per cento.
Yameen è il fratellastro di Maumoon Abdul Gayoom, che ha governato per 30 anni le Maldive usando il pugno di ferro.

Ecco la foto del giuramento del sesto presidente delle Maldive.

6000 persone si registrano nuovamente per le elezioni

venerdì, 15 novembre 2013

La Commissione per le Elezioni ha dichiarato che per le ultime votazioni si sono ri-registrate altre 6.299 persone;  fare una nuova registrazione è obbligatorio per tutti quei cittadini che decidono di votare da un luogo diverso dalla residenza permanente. Il presidente della commissione Fuad ha affermato che tutte le pratiche per le elezioni di Sabato sono state archiviate e per le votazioni saranno disposti 475 cabine di voto. Si potrà votare dalle 7:30 del mattino alle 16.

Fonte: www.sun.mv

Le Maldive discutono della commonwealth

venerdì, 15 novembre 2013

Il Commonwealth Ministerial Action Group si è incontrato ieri per discutere dei progressi fatti dalle Maldive e deciderà la posizione delle Maldive sulla Commonwealth che si è avuta in questo periodo di elezioni.  Inoltre il presidente del gruppo ha dichiarato che ulteriori decisioni verranno prese solo dopo l’elezione del nuovo presidente.

Fonte: www.miadhu.com

Waheed lascia le Maldive dopo due giorni di fine mandato

venerdì, 15 novembre 2013

Il presidente Waheed ha lasciato le Maldive martedì sera, alcuni dicono senza motivo. Waheed ha dichiarato che è dovuto partire per accompagnare la first lady ad una visita medica a Singapore e anche se ha dichiarato che tornerà in patria, non ha specificato la data. Il presidente ha dichiarato che sarà in grado di svolgere tutte le funzioni  che svolgeva in ufficio tramite telefono.

Fonte: www.minivannews.com

Il partito Jumhoree non supporterà nessun candidato

lunedì, 11 novembre 2013

Il partito Jumhoree ha dichiarato che non supporterà nessun partito durante il secondo giro di votazioni, nonostante entrambi i candidati avessero espresso il desiderio di formare un governo insieme a Gasim.  Il candidato Nasheed ha dichiarato che continuerà la sua opera di dialogo con il partito Jumhoree sperando di ottenere il supporto dei membri del partito per le prossime votazioni.

Fonte: www.sun.mv

I ministri non percepiranno lo stipendio durante gli ultimi giorni del loro governo

lunedì, 11 novembre 2013

I ministri del governo corrente hanno dichiarato che non riceveranno lo stipendio durante i giorni in cui Waheed governerà oltre i termini di mandato, ossia dal 11 Novembre al 16. Il Ministro del Turismo ha dichiarato che la decisione è stata accettata da tutti i ministri e che il loro lavoro è terminato il 10 di Novembre ma fino al 16 garantiranno solo i servizi necessari.

Fonte: www.sun.mv

Elezioni Maldive

lunedì, 11 novembre 2013

Sabato 9 novembre si sono svolte le elezioni per eleggere il nuovo Presidente delle Maldive. I risultati sono stati i seguenti:

– Maldivian Democratic Party (Mohamed Nasheed) 46.93%
– Progressive Party of Maldives (Abdulla Yaameen Abdul Gayoom) 29.73%
– Jumhoory Party (Qasim Ibrahim) 23.34%

L’ex Presidente Nasheed, non avendo raggiunto il 50%, sarebbe dovuto andare in ballottaggio con il candidato del partito Progressista. Il ballottaggio avrebbe dovuto svolgersi ieri, 10 novembre ma la Corte Suprema delle Maldive ha annullato il ballottaggio a seguito di un reclamo presentato del  candidato  Abdulla Yameen, che ha spiegato di aver bisogno di altro tempo per fare la campagna elettorale.
Secondo quanto stabilito nella Costituzione, il presidente delle Maldive deve essere eletto entro l’11 novembre. Per questo le elezioni erano state programmate il 9 novembre e a causa del tempo (poco) rimasto a disposizione era stato deciso di far svolgere il ballottaggio nel giorno successivo a quello del primo turno. Nonostante il termine stabilito dalla legge, la Corte Suprema ha deciso nella notte di ieri di rinviare il ballottaggio di sei giorni. Dovrebbe essere quindi previsto per il 16 novembre.
Ieri il Commonwealth ha espresso costernazione per la decisione da presidente uscente Mohamed Waheed Hassan di rimanere in carica nonostante la fine del suo mandato alla mezzanotte di domenica.
Mentre il Presidente del Parlamento Abdulla Shahid ha inviato una lettera al Presidente Dott. Mohamed Waheed informandolo che il suo mandato come presidente è scaduto a mezzanotte e lo informava che non era più al comando della nazione .

Elezioni il 10 Novembre

giovedì, 7 novembre 2013

Il presidente della Commissione per le Elezioni ha dichiarato che se tutto procede come previsto, le elezioni potranno svolgersi Domenica 10 Novembre.  Durante una riunione con la presenza anche del presidente Waheed i tre candidati hanno aderito alla scelta del giorno 10 senza risentimenti.

Fonte: www.sun.mv

Strane pillole nel caffè dei deputati

giovedì, 31 ottobre 2013

È stato oggi rivelato che sono state trovate delle strane pillole nelle macchinette del caffè che si trovano all’interno degli uffici del Parlamento.  Una delle segretarie aveva notato che il caffè era scolorito e gettandolo ha trovato queste strane pillole. La polizia sul posto ha subito domandato se i deputati potessero fidarsi dell’opposizione. Il caso ora è nelle mani della polizia e della difesa nazionale.

Fonte: www.minivannews.com

La polizia minaccia la Commissione per i Diritti umani

mercoledì, 30 ottobre 2013

La Commissione per i Diritti Umani ha rivelato che la polizia minaccia alcuni membri dello staff a causa dell’inchiesta partita contro quest’ultima. La commissione ha affermato che nonostante queste minacce ingiustificate continuerà la sua inchiesta per capire se la polizia sia colpevole o meno.

Fonte: www.minivannews.com

Possibili minacce alla vita dei candidati

mercoledì, 30 ottobre 2013

Il ministro della difesa ha chiamato l’ufficio del’ex presidente Nasheed, esprimendo   le sue preoccupazioni riguardo possibili minacce alla vita candidati alle elezioni. In particoilare il ministro ha affermato che due agenti di Al- Kaeda sarebbero stati ingaggiati per attentare alla vita di Mohamed Nasheed. L’ufficio del dell’ ex presidente ha richiesto l’avvio di un’inchiesta da parte dei servizi segreti.

Fonte: www.minivannews.com

La Commissione per i Diritti umani accusa la polizia di aver ostacolato le elezioni

giovedì, 24 ottobre 2013

La Commissione per i Diritti Umani delle Maldive ha dichiarato che la polizia ha ostacolato lo svolgersi delle elezioni e che sicuramente la polizia ha agito dopo aver ricevuto un ordine da parte di qualcuno. In una dichiarazione la commissione ha dichiarato che il Ministro degli Affari Interni aveva affermato che la polizia ha seguito degli ordini e non agito senza controllo; il Ministro non ha voluto rivelare da chi sia partito l’ordine.

Fonte: www.sun.mv

Si voterà il 9 Novembre

mercoledì, 23 ottobre 2013

La Commissione per le Elezioni ha pubblicato la data ultima per le prossime votazioni. Le registrazioni verranno aperte domani e le persone che non si sono cancellate dalle votazioni del 19 ottobre non dovranno registrarsi nuovamente ma presentarsi direttamente ai seggi.

Fonte: www.minivannews.com

La polizia verrà punita se colpevole

domenica, 20 ottobre 2013

La Police Integrity Commission ha dichiarato che la polizia non avrebbe dovuto ostacolare  le elezioni e che verranno ricercati i colpevoli e verranno puniti nel momento in cui verrà provato il coinvolgimento della polizia nella cancellazione delle votazioni di ieri.  In una dichiarazione scritta la commissione per le elezioni ha chiaramente accusato la polizia di aver ostacolato le elezioni.

Fonte: www.sun.mv


Mondomaldive.it